spiedini di salmone con salsa thaina alla senape
Tempi di preparazione: 20 minuti
Tempi di Cottura: 20 minuti
Difficoltà: 2/5

Ecco gli ingredienti per cucinare questi gustosissimi spiedini di salmone al forno, accompagnanti da una salsa a base di thaina, senape e succo di limone

Ingredienti per 4 persone

500 g di filetti di salmone fresco senza pelle

4 cucchiai di salsa di soia

Semi di sesamo neri q.b.

2 limoni + qualche goccia extra del suo succo (per la salsa)

3 cucchiai di salsa thaina

1 cucchiaio di senape di Digione in grani

acqua q.b. per diluire la salsa

insalata misticanza q.b.

ravanelli q.b.

Strumenti

4 Stuzzicadenti grandi da spiedini

Di seguito troverete tutti i passaggi per realizzare i vostri spiedini di salmone con salsa thaina alla senape e limone e insalata di ravanelli 

Procedimento

Per prima cosa, tagliate i filetti di salmone a cubetti di medie dimensioni e i limoni lavati a rondelle o a fettine.

Distribuite una stessa quantità di pesce sugli stuzzicadenti, alternando i cubetti con le fette di limone.

Cospargete gli spiedini con la salsa di soia, aiutandovi eventualmente con un pennello da cucina, unite i semi di sesamo nero e cuoceteli in forno preriscaldato a 200°C per 20  minuti circa, fino a che il pesce non risulterà dorato e croccante all’esterno.

Per la salsa, in una ciotola unite la thaina alla senape e mescolate energicamente per miscelare gli ingredienti. Aggiungete qualche goccia di succo di limone (io ne ho messe 2-3 per avere un gusto più delicato e meno acidulo) e dell’acqua per diluire un pochino la salsa.

A questo punto condite l’insalata misticanza con qualche ravanello tagliato a rondelle, un giro di olio evo, del sale e una grattata di pepe e…assemblate il piatto.

Disponete i vostri spiedini su un piatto da portata o un tagliere e serviteli, accompagnandoli con la salsa di senape e l’insalata.

Con queste dosi ho calcolato che per ognuno ci fossero 120 g di salmone, ma se preferite potete regolarvi voi, aumentando o riducendo la quantità di salmone. Io solitamente ne mangio circa 120-150 g perché, essendo un pesce tendenzialmente grasso, lo trovo molto saziante. 

Personalmente, adoro il salmone per i sue numerose proprietà nutrizionali e per via della sua versatilità in cottura. Esistono, infatti, tantissimi modi per cucinarlo e condirlo. Quello che oggi vi propongo è una variante sfiziosa e saporita, che non prevede l’uso di sale e di olio e che rappresenta per me un’ottima alternativa al solito filetto al forno con pomodorini e origano:)

Altre ricette della mia infanzia le puoi trovare nella sezione “dolci” oppure tra i nostri “primi piatti” 

Per scoprire la storia della mia prima ricetta di infanzia (i gelatini homemade alle fragole), clicca qui

Seguimi

per ricevere ogni nuovo post nella tua posta elettronica.

Aggiungiti al gruppo

Hello Budy! plugin is activated, now you need to set option from Settings -> Sticky Header/Footer menu